Ho tanta fede in te
che durerà
(è la sciocchezza che ti dissi un giorno)
finché un lampo d’oltremondo distrugga
quell’immenso cascame in cui viviamo.
Ci troveremo allora in non so che punto
se ha un senso dire punto dove non è spazio
a discutere qualche verso controverso
del divino poema.

So che oltre il visibile e il tangibile
non è vita possibile ma l’oltrevita
è forse l’altra faccia della morte
che portammo rinchiusa in noi per anni e anni.

Ho tanta fede in me
e l’hai riaccesa tu senza volerlo
senza saperlo perché in ogni rottame
della vita di qui è un trabocchetto
di cui nulla sappiamo ed era forse
in attesa di noi spersi e incapaci
di dargli un senso.

Ho tanta fede che mi brucia; certo
chi mi vedrà dirà è un uomo di cenere
senz’accorgersi ch’era una rinascita.

Cred atat de tare in tine

Incat va dura

(asa cum ti-am spus o data intr-o doara)

Pana cand o strafulgerare de dincolo de lume va distruge

Acest ghemotoc de praf in care traim

Ne vom intalni atunci intr-un oarecare punct

Daca se poate numi punct ceva in afara spatiului

Pentru a discuta asupra unui vers controversat

din poemul divin.

Stiu ca dincolo de vizibil si tangibil

nu se afla o viata posibila ci ceva dincolo-de-viata

e poate cealalta fata a mortii

pe care am purtat-o in noi ani si ani

Am atata credinta in mine

si ai aprins-o tu fara sa vrei

fara s-o stii, pentru ca fiecare harb

a vietii de aici contine o ghicitoare

despre care nu stim nimic si care poate statea

si astepta ca noi cei rataciti si neputincioasi

sa-i dam un sens

Am atata credinta incat ma arde; cu siguranta cine ma vede va spune : iata un om de cenusa

Fara sa isi dea seama ca era o renastere.

Vedi, in questi silenzi in cui le cose
s’abbandonano e sembrano vicine
a tradire il loro ultimo segreto,
talora ci si aspetta
di scoprire uno sbaglio di Natura,
il punto morto del mondo, l’anello che non tiene,
il filo da disbrogliare che finalmente ci metta
nel mezzo di una verità.
Lo sguardo fruga d’intorno,
la mente indaga accorda disunisce
nel profumo che dilaga
quando il giorno più languisce.

Vezi tu, in tacerile acestea in care lucrurile

se daruiesc si par a fi pe punctul

de a-si trada taina lor ultima

te poti astepta sa

descoperi vreo eroare de-a Naturii

punctul mort al lumii, veriga slabita,

firul ce odata descurcat ne-ar plasa in sfarsit

in miezul unui adevar

Privirea cauta imprejur

Mintea cerceteaza, leaga, desparte

in parfumul ce inunda

cand ziua isi taraganeaza plecarea.

Spesso il male di vivere ho incontrato:
era il rivo strozzato che gorgoglia,
era l’incartocciarsi della foglia
riarsa, era il cavallo stramazzato.

Bene non seppi; fuori del prodigio
che schiude la divina Indifferenza:
era la statua nella sonnolenza
del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato.

Deseori m-am intalnit cu dezolarea vietii

era suvoi gatuit care galgaia

era frunza ce se chircea

uscata, era calul prabusit

Bine n-am cunoscut in afara miraculosului

Ce intredeschide divina Indiferenta

era statuia invaluita in somnolenta

a amiezii, si norul si soimul din inaltimi

Eugenio Montale

Reclame